La Holding FS Italiane

Foto: Insegna di Ferrovie dello Stato Italiane nella sede di Roma, Villa Patrizi

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, una delle più grandi realtà industriali del Paese, realizza e gestisce opere e servizi nel trasporto ferroviario, contribuendo a sviluppare per l’Italia un grande progetto di mobilità e logistica integrata.

Partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze dal 1992, la Capogruppo Ferrovie dello Stato SpA controlla le società operative nei quattro settori della filiera: trasporto, infrastruttura, servizi immobiliari e altri servizi. Tutte le società mantengono comunque una propria specificità aziendale e un'autonomia gestionale nel perseguimento dei rispettivi obiettivi di business.

Ferrovie dello Stato SpA, ferme restando le autonome responsabilità giuridiche delle società partecipate, svolge prevalentemente attività di natura societaria tipiche di una holding (gestione delle partecipazioni, controllo azionariato, ecc..), oltre che di tipo industriale. Attraverso un sistema di Direzioni Centrali, la Capogruppo inoltre definisce le linee strategiche e assicura l’indirizzo e il coordinamento delle politiche industriali delle società operative.

Leader sia del trasporto passeggeri su ferro con l’88% di quota di mercato sia di quello delle merci su ferro con il 7%, il Gruppo FS Italiane conta circa 74.200 dipendenti8mila treni al giorno, oltre 830 milioni di passeggeri l’anno e 50 milioni di tonnellate di merci all’anno. Il network ferroviario è di oltre 16.700 km di rete, di cui circa 1.000 dedicati ai servizi Alta Velocità.

Il Gruppo FS Italiane mira a diventare l’impresa di sistema che implementerà un’offerta di servizi di mobilità e di logistica integrati e sostenibili sfruttando infrastrutture di trasporto in sinergia, creando valore in Italia e all’estero. Nel 2016 il Gruppo FS Italiane ha visto confermare nei numeri le ottime performance ormai consolidate negli anni passati, raggiungendo risultati economici di assoluto rilievo ed un utile pari a 772 milioni di euro, mai realizzato prima.

Il 1° dicembre 2016, l'AD del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Renato Mazzoncini è stato eletto all’unanimità Presidente dell’Union Internationale des Chemins de fer (UIC), l’associazione che rappresenta il settore ferroviario a livello globale. L’elezione riconosce l’impegno del Gruppo nello sviluppo del settore ferroviario e la capacità di rappresentare al meglio gli interessi del comparto. Essa rappresenta anche un traguardo importante per il sistema Italia, che avrà l’opportunità di incidere nella definizione delle politiche del trasporto a livello globale, una tra le industry più strategiche per investimenti e impatti sulla vita delle persone e sulle economie dei Paesi. L’UIC sarà chiamata anche a svolgere il fondamentale ruolo di consulente e advisor per i grandi programmi di investimento, attualmente in corso o previsti nei prossimi anni a livello mondiale: dai Corridoi europei TEN-T (passeggeri e merci) alla Cina, dagli USA all’India, passando per la Russia.

Tappa importante del processo di rinnovamento è stata anche l'introduzione del nuovo servizio Busitalia Fast, presentato ad aprile a Berlino in concomitanza con la fiera internazionale di settore Bus2Bus 2017 - offre servizi di trasporto competitivi su scala nazionale ed europea, con elevati standard di sicurezza e innovazione. Nato con l’obiettivo di diventare il principale player europeo della mobilità a lunga percorrenza con autobus, il servizio collega ogni giorno 15 regioni italiane oltre 90 città in Italia e Germania con una flotta di 60 autobus di ultima generazione.

Nel corso del 2017, poi, sono cambiati in modo radicale il trasporto ferroviario delle merci e i servizi di logistica del Gruppo FS Italiane grazie alla nascita del Polo Mercitalia, un unico grande raggruppamento delle società del Gruppo che operano nel business di riferimento (Mercitalia Logistics, Mercitalia Rail, Gruppo TX Logistik, Cemat, Mercitalia Transport & Services, Mercitalia Terminal, TerAlp e TLF).

Ma il Gruppo FS non si ferma ai confini nazionali. Al vertice delle aziende ferroviarie europee per redditività, l’Azienda esporta l’eccellenza del made in Italy per lo sviluppo delle reti ferroviarie in tutto il mondo: Mediterraneo, Medio Oriente, Europa dell’Est, Balcani, America Latina, USA, India e Australia. I principali servizi offerti sul mercato internazionale riguardano l’ingegneria, la gestione del trasporto passeggeri e della logistica, dell’infrastruttura e delle stazioni.

La nostra missione

Con il nuovo Piano Industriale 2017-2026, il Gruppo FS ha rinnovato e rafforzato la sua ambizione di realizzare opere e servizi di trasporto in grado di creare valore per la collettività in modo duraturo, ridefinendo il settore all’insegna dell’intermodalità.

La nuova strategia, che punta a 94 miliardi di investimenti in dieci anni, fa leva su cinque pilastri:

  • mobilità integrata, anche con un coinvolgimento di tutti gli operatori del settore;
  • logistica integrata, con una radicale riorganizzazione del comparto merci;
  • integrazione fra le infrastrutture sia ferroviarie sia stradali;
  • sviluppo internazionale;
  • digitalizzazione.

Attraverso un percorso di crescita nel rispetto dell’ambiente e del territorio, l’azienda punta a diventare un player della mobilità a tutto tondo. Per questo ha intrapreso un imponente programma di interventi destinati ad accrescere sensibilmente la dotazione infrastrutturale italiana e a fornire servizi sempre più qualificati e diversificati, all’insegna della sostenibilità: nuovi treni più confortevoli e tecnologicamente evolutistazioni moderne sempre più integrate con il tessuto metropolitano, integrazione ferro/gomma. I principi di etica e sostenibilità sono alla base delle nostre scelte strategiche poichè siamo convinti che solo la ricerca di un equilibrio tra aspetti economici, sociali e ambientali possa portare a uno sviluppo solido e duraturo dell’azienda e del Paese. 

Condividi:
Condividi su Linkedin